15 49.0138 8.38624 arrow 0 both 0 4000 1 0 horizontal http://www.dresss.it 300

THINKING ABOUT FASHION, GLAMOUR AND STYLE

LA DONNA SINTETICA

04/07/2014
Finalmente Dresss riesce a dedicare uno spazio a una designer che fa coincidere il proprio stile con la ricerca sui materiali innovativi. Iris van Herpen proviene dai Paesi Bassi, ma a Parigi ha trovato una scena in grado di metabolizzare un approccio alla moda davvero coraggioso e, per certi versi, estremo. La Herpen lavora sulla... / READ MORE /

Finalmente Dresss riesce a dedicare uno spazio a una designer che fa coincidere il proprio stile con la ricerca sui materiali innovativi. Iris van Herpen proviene dai Paesi Bassi, ma a Parigi ha trovato una scena in grado di metabolizzare un approccio alla moda davvero coraggioso e, per certi versi, estremo.

La Herpen lavora sulla tecnologia come portatrice di nuove tipologie d’abito e di nuove configurazioni corporee. Le sue creazioni nulla hanno a che vedere con la tradizione. Anzi, delineano un mondo tutto sintetico. Donne metallizzate come automobili o ricoperte da pungiglioni come animali fantastici. Tra stampaggi tridimensionali, siliconi e vernici poliuretaniche, la moda si fa particolarmente interessante.

Nella collezione autunno-inverno ‘14-15, le linee semplici sono bilanciate dalla resa espressiva dei tessuti dell’ultimissima generazione. Insomma, costruzioni semplicissime, esperienze sensoriali complesse, trasportate con disinvoltura nell’area del prêt-à-porter.

Le ragazze in passerella, la cui femminilità non è minimamente scalfita da tanta sperimentazione, vestono con tonalità neutre, come il bianco-gesso o il grigio-fango, ma l’abito è reso dinamico dall’effetto cangiante della fibra metallica.

The synthetic woman – Dresss finally is able to dedicate a space to a designer who equates his own style with research into innovative materials. Iris van Herpen comes from the Netherlands, but in Paris she found a scene that can metabolize a really bold approach to fashion and, to some extent, extreme.

The Herpen is working on technology as the bearer of new types of clothes and new bodily configurations. His creations have nothing to do with tradition. Indeed, they delineate a completely synthetic world. Metallized women such as cars or covered with stings like fantastic animals. Among three-dimensional molding, silicone and polyurethane coatings, fashion becomes especially interesting.

In the ‘14-15 fall-winter collection, the simple lines are balanced by expressive performance of the latest generation fabrics. In short, simple construction, complex sensory experiences, delivered with ease in the prêt-à-porter area.

The girls on the catwalk, whose femininity is not tarnished by such experimentation, wear neutral tones, such as the chalk-white or mud-gray, but the cloth is made dynamic by iridescent effect of the metal fiber.

DON'T MISS THIS ONE: UOMINI DI MARE