15 49.0138 8.38624 arrow 0 both 0 4000 1 0 horizontal http://www.dresss.it 300

THINKING ABOUT FASHION, GLAMOUR AND STYLE

INVERNO IN BIANCO

16/05/2017
Fra le collezioni più entusiasmanti e chic del prossimo autunno-inverno, troviamo sicuramente quella di Genny. È la prima volta in cui, ingiustamente, parliamo del brand diretto da Sara Cavazza Facchini, anche se esso dà sempre delle lezioni di vera modernità. Sulla passerella di Milano grande sorpresa: la stagione fredda è disegnata quasi tutta in bianco... / READ MORE /

Fra le collezioni più entusiasmanti e chic del prossimo autunno-inverno, troviamo sicuramente quella di Genny. È la prima volta in cui, ingiustamente, parliamo del brand diretto da Sara Cavazza Facchini, anche se esso dà sempre delle lezioni di vera modernità.

Sulla passerella di Milano grande sorpresa: la stagione fredda è disegnata quasi tutta in bianco (con variazioni in bronzo dorato , nero e bluette) ed costituita esclusivamente da abiti da cocktail e da gran sera.

Il colpo d’occhio non sta solo nella dimensione luxury ma anche nella contemporaneità delle linee. Tagli abili e agili, con un giusto dosaggio della decorazione applicata. La collezione di Genny è molto convincente. Anche se ogni tanto strizza l’occhio al Déco, essa riesce a esprimersi con un linguaggio del tutto autonomo.

 

Winter in white

Among the most exciting and chic collections of next fall-winter, we are sure to find the Genny’s one. This is the first time we unjustly talk about the brand directed by Sara Cavazza Facchini, although it always gives lessons of true modernity.

On the Milan catwalk is a great surprise: the cold season is almost entirely white (with variations in golden bronze, black and light blue) and consists exclusively of gowns and cocktail dresses.

The glimpse stays not only in the luxury dimension but also in the contemporary lines. Powerful and agile tailoring, with a fair dosage of applied decoration. Genny’s collection is very convincing. Even though it occasionally winks at Deco, it can express himself by a completely autonomous language.

DON'T MISS THIS ONE: UNDERSTATEMENT MILANESE