15 49.0138 8.38624 arrow 0 both 0 4000 1 0 horizontal http://www.dresss.it 300

THINKING ABOUT FASHION, GLAMOUR AND STYLE

CORPO E ASTRAZIONE

22/09/2014
È uno dei designer più cerebrali della moda francese. L’artefice dell’osmosi tra abito e nuove tecnologie, però in chiave concettuale. Ma accanto ai vestiti “viventi” e metamorfici, scorrono proposte comunque anticonvenzionali, che innescano un rapporto complesso con la donna che le indossa. Per l’autunno-inverno ’14-15, il corpo viene considerato da Hussein Chalayan come un contenitore... / READ MORE /

È uno dei designer più cerebrali della moda francese. L’artefice dell’osmosi tra abito e nuove tecnologie, però in chiave concettuale. Ma accanto ai vestiti “viventi” e metamorfici, scorrono proposte comunque anticonvenzionali, che innescano un rapporto complesso con la donna che le indossa.

Per l’autunno-inverno ’14-15, il corpo viene considerato da Hussein Chalayan come un contenitore di segni astratti e di superfici alterate. L’abito è scomposto. Le sue parti subiscono sovrapposizioni, slittamenti, fratture, cedimenti. Il designer si cura poco anche della stagione: i tessuti sono lievi, semitrasparenti, come destinati a una primavera artificiale.

Chalayan predilige il grigio perla accostato a diversi toni di rosso. In quel gioco di intersezioni tessili, entra anche delle grafiche a reticoli digitali.

La collezione di Chalayan piacerebbe a coraggiose cultrici della modernità avanzata, ma anche alle donne che non reputano necessario mettere in risalto la propria femminilità secondo i codici tradizionali.

Body and abstraction – He’s one of the most cerebral of French fashion designer. The maker of osmosis between dress and new technologies, but in conceptual key. But next to the “living” and metamorphic clothes flow proposals, however unconventional, who prime a complex relationship with the woman who wears it.

For autumn-winter ‘14-15, the body is considered by Hussein Chalayan as a container of abstract signs and altered surfaces. The dress is decomposed. Its parts undergo duplication, slips, fractures, subsidence. The designer cares little even of the season: the fabrics are light, semi-transparent, as intended for an artificial spring.

Chalayan prefers gray pearl matched with different shades of red. In that game of textiles intersections, also enters the graphics in digital grids.

The collection of Chalayan would like to brave addicted to advanced modernity, but also to women who do not consider it necessary to emphasize their femininity according to the traditional codes.

DON'T MISS THIS ONE: DONNE DI SABBIA