15 49.0138 8.38624 arrow 0 both 0 4000 1 0 horizontal http://www.dresss.it 300

THINKING ABOUT FASHION, GLAMOUR AND STYLE

CONTRAPPUNTI LINEA-COLORE

19/03/2014
Ogni collezione presentata da Max Azria sotto la sigla BCBG è fonte di appagamento visivo. Senza dimenticare il corpo della donna e le istanze di vestibilità, la ricerca del designer francese si incardina su equilibri tra geometria e colore come generatori di un linguaggio nuovo, moderno, cool. Sullo sfondo newyorkese, la collezione autunno-inverno 2014-15 BCBG... / READ MORE /

Ogni collezione presentata da Max Azria sotto la sigla BCBG è fonte di appagamento visivo. Senza dimenticare il corpo della donna e le istanze di vestibilità, la ricerca del designer francese si incardina su equilibri tra geometria e colore come generatori di un linguaggio nuovo, moderno, cool.

Sullo sfondo newyorkese, la collezione autunno-inverno 2014-15 BCBG Max Azria conferma l’attitudine alla definizione di una femminilità incisiva ma allo stesso tempo delicata. Sebbene costituita da calibratissime e sofisticate architetture tessili, non ha nulla a che vedere con il tailoring tradizionale. I modelli, frutto di estetica asciutta e geometrica, sono più che altro tele astratte (simmetriche o asimmetriche) composte proprio sulla figura di una donna che si muove con aplomb e disinvoltura nella metropoli.

Gli abiti, per lo più interi, sono morbidi e scivolano liquidamente sul corpo. I campi prevalentemente grigi o bianchi sono attraversati da fasci di strisce turchesi, rosa cipria o nere. A volte questi sono spezzati, cambiano inclinazione o sono perpendicolari fra loro.

Oltre a essere un approccio tanto caro ad Azria, lo studio di contrappunti tra linea e colore, tra vuoto e pieno e tra figura e sfondo ci dimostra che il design dell’abito può anche partire da a-priori formali.

Line-color counterpoints – Each collection presented by Max Azria under the acronym BCBG is a source of visual satisfaction. Without forgetting the woman’s body and the fitting requests, the research of the French designer hinges on the balance between geometry and color as generators of a new language, modern and cool.

On the backdrop of New York, the autumn- winter 2014-15 BCBG Max Azria collection confirms the attitude to the definition of an incisive yet delicate femininity. Although it consists in calibrated and sophisticated textile architectures, it has nothing to do with the traditional tailoring. The models, the result of dry and aesthetic geometric, seem mostly abstract paintings (symmetrical or asymmetrical) made right on the figure of a woman who moves with ease and aplomb in metropolitan areas.

The clothes, mostly entire, are soft and glide liquidly on the body. Fields predominantly gray or white are crossed by beams of turquoise, powder pink or black stripes. Sometimes these are broken, change of inclination or are perpendicular to each other.

In addition to being an approach so dear to Azria, the study of counterpoints between line and color, between empty and full and between figure and background shows us that the dress design can also start from a formal a-priori.

DON'T MISS THIS ONE: INGREDIENTI DARK