15 49.0138 8.38624 arrow 0 both 0 4000 1 0 horizontal http://www.dresss.it 300

THINKING ABOUT FASHION, GLAMOUR AND STYLE

MODERNITÀ SENZA AVANGUARDIA

03/02/2015
Con approcci completamente differenti, le passerelle di Milano, New York, Parigi e Londra propongono delle visioni forti e sovversive della contemporaneità. Nell’intento di fare innovazione, molti designer si confrontano con un mondo femminile piuttosto diffidente verso i linguaggi che si staccano dal passato. In verità, nelle creazioni destinate sia all’uomo che alla donna, ravvisiamo delle... / READ MORE /

Con approcci completamente differenti, le passerelle di Milano, New York, Parigi e Londra propongono delle visioni forti e sovversive della contemporaneità. Nell’intento di fare innovazione, molti designer si confrontano con un mondo femminile piuttosto diffidente verso i linguaggi che si staccano dal passato.

In verità, nelle creazioni destinate sia all’uomo che alla donna, ravvisiamo delle contaminazioni tra presente e tradizione. In altri termini, oggi non esiste un filone dell’avanguardia pura, della rivoluzione. Possiamo rintracciare una volontà di delineare uno stile contemporaneo, ma ciò accade attraverso il remix.

L’innovazione non è mai totale, ma si giova di citazioni. Può essere originale il riassemblaggio, ma i componenti grammaticali sono sempre déjà-vu. La vera trasformazione sta nell’indirizzo tecnologico, che però fatica ad emergere se non a chiazze isolate.

(da sinistra a destra, modelli di Andrew GN, Angelos Frentzos, Neil Barrett, Nicholas K, Opening Ceremony)

Modernity without vanguard – With totally different approaches, the catwalks of Milan, New York, Paris and London offer strong visions and subversive of contemporaneity. In the purpose to innovate, many designers confront with a feminine world enough distrustful toward the languages that detaching from the past.

Indeed, in the creations intended for both men and women, we recognize contamination between present and tradition. In other words, there is not a current of the pure avantgarde, of the revolution. We can trace a desire to delineate a contemporary style, but this happens through the remix.

Innovation is never total, but it benefits from citations. The reassembling can be original, but the grammatical components are always déjà-vu. The real change is in the technological address, but struggling to emerge except in isolated patches.

(from left to right, models by Andrew GN, Angelos Frentzos, Neil Barrett, Nicholas K, Opening Ceremony)

DON'T MISS THIS ONE: COLLAGE CONCETTUALE